Scheda critica su Anna Donati Iskra

7 Luglio 2021 Redazione A&S 47

NOTA CRITICA 1
(di Giorgio Di Genova)

La Donati, pur senza ricorrere alla geometria frattale, utilizza frammenti di effetti cromo-geometrici con cui crea trasparenti agglomerazioni apparentemente caotiche. In verità i suoi dipinti sono sempre studiatamente articolati nelle giustapposizioni del lacerati geometrici, giustapposizioni e/o aggregazioni che spesso fanno convivere morfemi euclidei con strappi antieuclidei in linea con la sua irrequieta ricerca di nuove soluzioni.


NOTA CRITICA 2
(di Lucio Del Gobbo)

La bellezza, la grazia, l’eleganza della composizione costituiscono insieme la sola condizione di cui la Donati accetta di rinunciare alla propria libertà, la sola in cui la sua ribellione si acquieta, quella dove il suo spaziale trova, se non una stabile dimora, almeno una direzione e una speranza da inseguire.