Keith Haring: un progetto scolastico a favore dei Diritti Umani per il 32° anniversario della sua morte

15 Febbraio 2022 Redazione A&S 2081

NELLA FOTO: KEITH HARING – ARTISTA E ATTIVISTA SOCIALE.

Il 16 Febbraio 1990, alla giovane età di trentuno anni, il pittore e attivista sociale Keith Haring si spegneva a New York a causa delle complicanze legate all’AIDS.

In occasione del trentaduesimo anniversario della sua scomparsa, il Coordinamento Nazionale Docenti della Disciplina dei Diritti Umani, presieduto dal prof. Romano Pesavento, intende proporre nelle aule scolastiche alcune tematiche di carattere umanitario in coerenza con il suo pensiero, attraverso un percorso figurativo volto a riprodurre lo stile neo-pop tipico delle sue rappresentazioni.

Un giorno mi piacerebbe fare un libro fotografico con immagini di me insieme a bambini di tutto il mondo... I bambini sanno qualcosa che la maggior parte della gente ha dimenticato. I bambini subiscono una fascinazione per la loro esperienza quotidiana che è molto speciale e che sarebbe di grande aiuto agli adulti se potessero imparare a capirla e a rispettarla. (Keith Haring)

Keith Haring nella sua sensibilità estetica e moderna aveva catturato proprio la spontaneità, la vivacità e il dinamismo che sono tipici dell’infanzia; uno sguardo limpido e profondo nei confronti dell’esistenza, che ne catturava anche gli aspetti più spietati, trasmutandoli però in energia di reazione positiva, affermativa, tesa al cambiamento e risoluzione dei problemi, era la sua cifra distintiva. Ha sempre veicolato messaggi di speranza che contrastassero l’oppressione dell’uomo sull’uomo e a favore dell’inclusione.

Pertanto, il Coordinamento Nazionale Docenti della Disciplina dei Diritti Umani lancia il progetto “Libera la gioia”, improntato alla realizzazione grafica di disegni ispirati a Keith Haring e che riguardino la difesa ambientale, la lotta al bullismo e alla discriminazione in tutte le sue forme, il pacifismo, la solidarietà e l’amore per la vita.

Gli elaborati, con relative autorizzazioni, devono essere inviati all’indirizzo di posta elettronica: coordinamentodirittiumani@gmail.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimo aggiornamento: 15/02/2022, 13:22