“La continuità del segno”, la personale di Paolo Masi a Verona

19 Aprile 2022 Redazione A&S 403

NELLA FOTO: PAOLO MASI' LA CONTINUITA DEL SEGNO.

Presso la sede veronese di Kromya Art Gallery, sarà inaugurata l'esposizione “Paolo Masi. La continuità del segno”, con una presentazione a cura di Carlo Vanoni.

La mostra, inaugurata il 20 Aprile 2022 alle ore 18:00, è un approfondimento dedicato all'artista Paolo Masi, protagonista indiscusso nel panorama italiano, inserito a pieno titolo nel dibattito artistico che, dalla fine degli anni Cinquanta, aveva messo in discussione le basi fondanti della pittura. Il percorso espositivo comprende trenta opere a tecnica mista su cartone, realizzate dagli anni Settanta ad oggi, con l'aggiunta di alcuni inediti. Il protagonista assoluto di questa nuova produzione è il colore, che collega tra loro i singoli dipinti nella costruzione di una nuova sintassi.

I nuovi lavori di Paolo Masi - scrive Carlo Vanoni - sono la continuazione di un percorso iniziato all'inizio degli anni Settanta che vedeva il cartone come superficie su cui lavorare. A volergli dare un nome provvisorio e universale, musicale direi, potremmo definirli composizioni. Composizioni che partono da un modulo in cartone e plexiglass. Un tempo, ma dobbiamo tornare agli anni Settanta, quello stesso cartone appariva nel suo colore naturale, in linea con il pensiero analitico che, per certi aspetti, portava con sé un'eredità poverista pur cercando tuttavia di uscire da quella poetica per ritornare alla manualità della pittura. Oggi che sono passati più di cinquant'anni, l'approccio analitico apparirebbe anacronistico. Anche per questo, nel corso del suo cammino, Masi aveva già introdotto il colore sulla superficie spoglia del cartone. Ed è proprio il colore, e quindi la pittura, il protagonista di questi nuovi lavori. Il colore che diventa alfabeto e che, unendosi al colore del modulo successivo, costituisce una nuova sintassi, senza però abbandonare mai il segno o la traccia che ancora oggi giustificano la scelta del cartone come superficie su cui operare. Cartone e plexiglass. Il primo, materiale povero; il secondo tecnologico. Cartone e plexiglass che, insieme al colore e alla sequenza dei moduli disposti progressivamente, danno vita alla nuova vita di Paolo Masi, classe 1933, fiorentino, un tempo analitico e oggi finalmente libero da qualsiasi etichetta. C'è freschezza in questi nuovi lavori. Si avverte cioè una gioia del fare e del mettersi nuovamente in viaggio verso nuove mete.

In occasione della mostra, sarà presentato il volume "Paolo Masi. La continuità del segno" (Vanillaedizioni, 2022) con testi di Matteo Galbiati e Carlo Vanoni e ricco apparato iconografico.

L'esposizione sarà visitabile fino al 18 Maggio 2022, da Martedì a Sabato con orario 10:00-12:30 e 16:00-19:30, chiuso Lunedì, Domenica e 1° Maggio. Ingresso gratuito. Accessi regolamentati nel rispetto della normativa vigente.

Per informazioni e appuntamenti potete contattare il numero telefonico (+39) 0459788842 o scrivere all'indirizzo di posta elettronica riccardo@kromyartgallery.com.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimo aggiornamento: 20/04/2022, 07:23