Giovanni Ronzoni / Biografia

19 Dicembre 2022 Redazione A&S 133

NELLA FOTO: RONZONI BIO.

Nato a Lissone (MB) nel 1952, l’architetto-artista-scrittore Giovanni Ronzoni, dopo la laurea in architettura al Politecnico di Milano, fonda il suo primo atelier d’architettura nel 1980, rilevando e recuperando filologicamente un vecchio capannone industriale.

Inizia così a firmare una lunga serie di progetti, sia di carattere residenziale-commerciale e sia legati al Design, tutti caratterizzati da un riconoscibile segno minimalista, sempre provocatorio e tendente alla poetica e all’essenzialità, che si traduce nella creazione di spazi pensati per la sottrazione e il silenzio. Con il passare degli anni, la sua innata personalità poliedrica e la sua inesauribile vena creativa, portano Ronzoni a sviluppare sempre di più il suo lato artistico e ad avvicinarsi ad altre discipline come la Grafica, la Fotografia, la Pittura, la Scultura, infine la Poesia e la Poesia Visiva.

Giovanni Ronzoni utilizza i vari linguaggi espressivi e li piega alla sua volontà, sperimentando sempre nuove ricerche artistiche, in cui tutti questi linguaggi diventano sintesi per dare forma e voce al suo pensiero. I lavori più recenti derivano dallo studio su luce/ombra, su pieno/vuoto: sintesi estrema del linguaggio di “azzeramento” che coniuga il concetto di pregnanza con quello di leggerezza e semplicità. Numerosi sono i riconoscimenti e Primi Premi Nazionali e Internazionali. Presente in numerose Mostre collettive, fiere Arte e mostre personali in Italia e all’estero. Altrettante sono le “site specific” e “performance”, in rapporto tra verbo e immagine.

Nel 2003 sperimenta una esperienza di curatela d’arte, ideando, curando e progettando la grande mostra su Le Corbusier Pittore Scultore Designe al MAC di Lissone (MB), svoltasi dal 23 Marzo al 15 Giugno 2003, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Lissone e con la Fondation Le Corbusier di Parigi. Per conoscere meglio questa interessante mostra retrospettiva si possono consultare i due filmati Video #1 e Video #2. A seguire, le sue presenze espositive più recenti.

ESPOSIZIONI RECENTI

Nel 2020

  • Al Battistero di Velate (VA), da un’idea di Marialisa Leone, mostra internazionale “Retiro... ciò che allontana avvicina”, a cura di Marialisa Leone e Giovanni Ronzoni, 65 artisti in esposizione.
  • Alla mostra personale “S P I R I T – GIOVANNI RONZONI – AFORISMI VISUALI” presso lo spazio Arti><sta a Monza.
  • Alla Sala Angello di Crema, da un’idea di Marialisa Leone, mostra internazionale “Retiro... ciò che allontana avvicina”, a cura di Marialisa Leone e Giovanni Ronzoni, 65 artisti in esposizione.
  • Alla mostra personale “GIOVANNI RONZONI 8O­_2O” a cura di Maria Laura Bonifazi presso la Lazzaro Galleria d'Arte Contemporanea a Genova.
  • Alla “IV Esposizione Triennale di Arti Visive a Roma” presso la Galleria del Cembalo, Villa Borghese - Roma.

Nel 2021

  • Alla Biennale di Venezia sull’isola di San Servolo, a cura di Boris Brollo.
  • Alla Biennale di arte contemporanea della Murgia, tema “Ambiente_Memoria_Futuro”, a cura di Michele Di Leo.
  • Alla XIII edizione del FLORENCE BIENNALE ART+DESIGN ETERNAL FEMININE, Forteza da Basso Padiglione Cavaniglia, a cura di Fortunato D’Amico; dove ha ricevuto la Menzione Speciale del Presidente con l’installazione site specific ”Voi... Prigioniere di sogni nel bosco delle innocenze...”.
  • Al progetto “Nostos” a cura di Maria Laura Bonifazi e Giulia Giglio presso la Lazzaro Galleria d’Arte Contemporanea a Genova.

Nel 2022

  • Alla mostra PAESAGGI DOMESTICI DELL’ARTE CONTEMPORANEA a cura di Fortunato D’Amico presso lo SPAZIO Navigatori nei 20 _ Galleria Nomade, Monza.
  • Alla Mostra ANTROPOCENE a cura di Fortunato D’Amico, Sala Leonardiana nel cortile del Castello Visconteo-Sforzesco di Vigevano.
  • Alla mostra internazionale “Il Pakko Kol Nulla Dentro”, 55 PAKKI D’ARTISTA da un pensiero (e a cura) di Giovanni Ronzoni, presso lo spazio Arti><sta di Monza.
  • Alla mostra CALEIDOSCOPIO – Genova BeDesign Week 2022 a cura di Fortunato D’Amico e Chiara Ferella Falda, Santa Maria di Castello.
  • Al progetto internazionale M E D I T E R R A N E U M, a cura di Elena Saponaro con la direzione artistica di Michele Di Leo, veste il ruolo di Membro del Comitato Scientifico e, esponendo con le sue scultore lignee di grandi dimensioni, "Il Bosco dell’Eden", al Museo Archeologico di Altamura; con alcune sue opere pittoriche, al Museo Civico di Manduria, a Marsiglia alla Galleria CO.AR.CO., ad Istanbul alla Galleria Ferdan Yusufi. Sempre nell’ambito del progetto, in veste di Curatore, al Castello Aragonese di Taranto, espone “coralmente” i 55 artisti nazionali ed internazionali con la mostra “Il Pakko Kol Nulla Dentro”, e contestualmente 28 Libri d’Autore con il progetto, sempre come curatore, L I B R I   D ' A R T I S T A.
  • Alla seconda edizione di “Les Artistes” presso lo spazio Arti><sta di Monza.

Sempre nel 2022, da una sua proposta, nasce la Collana A R T ē per le Edizioni Setteponti (Castelfranco Piandiscò, Arezzo), vestendo il ruolo di Direttore della stessa. È presente in Italia e all’estero, in collezioni e istituzioni pubbliche e private.