Tensioni astratte e rimbalzi geometrici nelle opere di Roberto Sgarbossa

9 Febbraio 2021 Redazione A&S 2688

NELLA FOTO: ROBERTO SGARBOSSA ACCANTO A DUE SUOI ACRILICI.

L’artista padovano Roberto Sgarbossa riesce sempre a convincere il suo pubblico con le sue qualificate elaborazioni di tipo astratto-geometrico.

Ad ogni rassegna, Sgarbossa espone opere che colpiscono fortemente i visitatori per la misura dei contenuti e per l’attenzione delle stesure. Nelle sue opere, tutto è sempre sotto calcolatissimo controllo.

Eccolo ritratto in una foto davanti a due dei suoi lavori realizzati in acrilico su tela, formato settanta per settanta centimetri, esposti in occasione di una sua mostra tenutasi a Sala Valmarana presso il Municipio di Montegalda (Vicenza); queste due opere non sono mai state pubblicate su catalogo.

Le difficoltà d’esecuzione ci fanno rendere conto che Roberto Sgarbossa opera su suggestioni cromatiche e su lavoratissime elaborazioni aniconiche che declinano fasce modulari d’estensione quasi plastica. La sua pittura si situa nel codice dell’astratto-geometrico, riservandosi, però, un canale personalissimo d’impatto.

La qualità è ben visibile e riesce a estroflettersi nelle sue peculiarità oggettive. Ritmi e fusioni si allungano, si specchiano e rimbalzano. Nel gioco della percezione si motivano presidi cognitivi, custoditi da trasformazioni di tensione autentica.

Maurizio Vitiello

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimo aggiornamento: 21/09/2022, 16:15