“Effetto Doppler”, trentuno artisti espongono allo Spazio 57 di Napoli

9 Novembre 2023 Redazione A&S 681

NELLA FOTO: EFFETTO DOPPLER 31 ARTISTI ESPONGONO ALLO SPAZIO 57 DI NAPOLI.

Dal 10 al 24 Novembre 2023 presso la galleria Spazio 57 di Napoli si terrà la mostra collettiva “Effetto Doppler”.

L'esposizione, a cura di Melania Fusaro e Simona Oliviero, vede trentuno artisti campani, e non, esporre le proprie opere, ognuna con una cifra stilistica diversa dall'altra. Il vernissage di “Effetto Doppler” è previsto per il giorno Venerdì 10 Novembre alle ore 18:30 con la presentazione di Olga Ricciardi. La mostra è visitabile gratuitamente fino al 24 Novembre nei seguenti orari di visita: Martedì e Venerdì dalle ore 15:30 alle 19:30 e Sabato dalle ore 10:00 alle 19:30.
Alla mostra espongono i seguenti artisti: Domenico Balestrieri, Roberto Bellucci, Giacomo Borzoni, Maurizio Campitelli, Bruno Carotenuto, Dario Caruso, Alfredo Cordova, Aide D'Esposito, Achille D'Onofrio, Mariella Di Gennaro, Vittorio Di LevaAntonio Favale, Antonio Feola, Michela Frungillo, Giuliano Giuliani, Filippo Leto, Alessandro Marrone, Claudio Martusciello, Pietro Mingione, Sonia Nardocci, Gilda Pantuliano, Vincenzo Perna, Enzo Prestileo, Silvia Rea, Ferdinando Russo, Maria Antonietta Scala, Alex Shot, Pasquale Simonetti, Sabrina Tortorella, Paolo Villani, Raffaella Vitiello.
Per ulteriori informazioni sulla collettiva “Effetto Doppler”, potete contattare il numero telefonico (+39) 348 720 37 95 o l'indirizzo di posta elettronica spazio57napoli@gmail.com. Nella foto, le opere di due artisti partecipanti Alfredo Cordova e Gilda Pantuliano.

LA MOSTRA

L’Effetto Doppler è un fenomeno fisico che consiste nell’apparente variazione di frequenza delle onde emesse da una sorgente in movimento rispetto ad un osservatore. L’Arte è un concetto strettamente legato ai fenomeni fisici che regolano l’universo, la natura e tutto ciò che esiste all’interno di un qualsiasi microcosmo, e ne rappresenta una delle testimonianze umane più elevate. La connessione tra l’Effetto Doppler e l’Arte si rivela attraverso la logica del cambiamento apparente. Percezione, Prospettiva e Proiezione sono le tre caratteristiche che consentono di ipotizzare la presenza di un “Effetto Doppler” anche nella Arti Visive perché, proprio come la frequenza delle onde, un oggetto può sembrarci di forma e dimensione diverse in base alla prospettiva dalla quale è osservato, ma è un cambiamento apparente. La Mostra “Effetto Doppler” vuole essere un invito ad osservare ciò che ci circonda in modo più approfondito; in questo l’Arte rappresenta lo strumento più di impatto, in grado di invogliare il fruitore ad un’osservazione più complessa e ragionata. L’esigenza di proporre profili stilistici diversificati, nasce proprio dalla ricerca mirata al raggiungimento delle frequenze percettive più composite, con l’attenzione, ovviamente, a non disturbare l’armonia del cambiamento apparente.

Ivan Guidone

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimo aggiornamento: 10/11/2023, 08:14